skip to Main Content

Un fucile tra passato, presente e futuro

Il fucile semiautomatico Cosmi nasce a fine del ‘800 tra i colli del Montefeltro dalle mani e dall'ingegno di Rodolfo Cosmi. Grandissimo appassionato di caccia, Rodolfo pratica il suo mestiere di artigiano riparatore di armi e, nel 1890, comincia a costruire i primi fucili Cosmi.

Inizia così la storia del semiautomatico Cosmi, capolavoro dell’Italia artigianale e primo fucile al mondo ad unire il meglio del semiautomatico e del fucile basculante.

Nella sua piccola officina di Macerata Feltria, Rodolfo condivide la sua passione con i due figli Marcello ed Americo ai quali tramanda l'arte prima della sua scomparsa nel 1936.

Nel 1936 Americo e Marcello decidono di trasferire la ditta Cosmi ad Ancona, nella storica sede che ancora occupa. Enorme è il contributo di Marcello (scomparso nel 1963) che trasforma la ditta da laboratorio artigianale a vera e propria azienda e per i cui meriti verrà nominato Cavaliere. Ad Americo (scomparso nel 2015) si deve tutta l'evoluzione della meccanica del fucile per i successivi 50 anni. Sotto la guida dei 2 fratelli, l'azienda acquista la fama internazionale e il fucile Cosmi diventa immancabile nelle collezioni di capi di stato, uomini di cultura e famosi sportivi, da un angolo all'altro del pianeta.

Nel 2018 entra a far parte della famiglia Cosmi Luca Gaeti, portando nuove energie e sostenendo Rodolfo II e Federico Cosmi negli importanti progetti che renderanno i fucili Cosmi protagonisti dell’arte armaiola del ventunesimo secolo.

Attraverso 3 secoli e 4 generazioni, la ditta Cosmi è riuscita con successo a fondere insieme tradizione ed innovazione, creando un prodotto dalla linea classica ed elegante. Allo stesso tempo l'utilizzo di tecniche di lavorazione e materiali innovativi, rende il fucile Cosmi uno dei piu’ tecnologicamente avanzati, continuando a meritarsi, a pieno titolo, la fama di migliore semiautomatico al mondo.

Gaeti / Cosmi

Sono cacciatore fin da bambino. I miei primi ricordi sono popolati dai cani da caccia, sempre presenti in casa, dagli uccellini da richiamo e dalle armi di mio padre e mio nonno, anch’essi appassionati cacciatori.

Al pari di qualunque amante delle armi fini, conosco molto bene il marchio Cosmi e ho sempre provato curiosità e ammirazione per le bellissime creazioni di questa storica casa armiera. Dei fucili Cosmi apprezzo soprattutto il perfetto connubio tra elemento tecnico ed eleganza estetica, il fatto che ogni pezzo sia unico e racchiuda in sé il meglio del made in Italy.

La passione ed il forte entusiasmo per il progetto imprenditoriale, mi hanno portato nel 2018 a investire in questa storica azienda, una realtà che da oltre un secolo dà lustro all’industria del nostro Paese, e che ha davanti a sé un futuro radioso. Rodolfo Cosmi, diretto discendente del fondatore dello storico marchio, partecipa in prima persona a questa avventura, portando con sé la propria esperienza di più di 50 anni di lavoro sul prodotto e tutto l’entusiasmo possibile per gli ambiziosi traguardi che ci siamo prefissi per il prossimo futuro. Sono convinto che il progetto Cosmi sia ancora molto attuale, e che possa continuare a crescere puntando soprattutto sul patrimonio di sapere e di esperienza che ha costruito nel tempo.

Il mio impegno per i prossimi anni è quello di valorizzare al meglio le creazioni che da sempre conquistano gli appassionati di caccia in tutto il mondo e nel contempo di investire in innovazione per ampliare la gamma di prodotti offerta dalla casa Cosmi mantenendo inalterati la proverbiale qualità e il fascino dei nostri fucili.

Luca Gaeti

Back To Top